• “Aqua Mater” Gourmet Restaurant sul cratere vulcanico

    antipasti - frittura

     

    Una calda sera d’estate, con un tasso di umidità altissimo, Roma era incandescente e scappare lontano era il desiderio di ognuno. Un invito in un ristorante sito in una delle colline più belle che circondano la capitale è stato provvidenziale. Il Ristorante Aqua Mater nell’esclusivo giardino terrazzato del Golf Club di Castelgandolfo.

    prato

    Due parole su questo che è considerato uno dei Golf Club più belli d’EuropaL’architetto Robert Trent Jones Senior pone nel 1987 il suo personale marchio su un percorso di golf unico al mondo: la conca del cratere vulcanico che conteneva nell’antichità il laghetto di Turno, un lago di piccole dimensioni rispetto ai laghi che gli stanno intorno, è stata trasformata in un percorso di golf impegnativo e raccolto. Un percorso con ostacoli naturali nella splendida cornice formata da ulivi secolari, querce e pini marittimi.

    Ricordiamo che Castelgandolfo fa parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia. E’ all’interno del Parco regionale dei Castelli romani costituitosi nel 1984, terreno nella quasi totalità di origine vulcanica con una sismicità medio-alta.

    15_07_14_006

    Protagonista della serata la cucina tradizionale romana con la signora dei Fornelli, Anna Dente e la cucina romana rivisitata con lo chef Alberto Colacchio. L’aperitivo sulla splendida terrazza, con verdure fritte e tante bollicine e uno splendido tramonto sulla vere vallata del golf con la capitale sullo sfondo.

    crema di pomodoro

    Un evento gastronomico con più portate, 11 per l’esattezza, servite una dopo l’altra con la possibilità di interagire con i due protagonisti della serata, Anna Dente e Alberto Colacchio grazie alla perfetta conduttrice della serata Giulia Murdocca nel suo delizioso abito rosso, Giulia è stata molto professionale come sempre e ben preparata.

    risotto

     

    Abbiamo iniziato con un antipasto molto delicato, vellutata di pomodoro con crostini il tutto condito con olio extravergine bio della Sabina, mousse di baccalà; risotto alle zucchine, gnocchetti di “coda de soreca”  all’amatriciana, una pasta fatta con acqua e farina, a me un ottimo piatto di queste stupende codice di sorcio, tradotto, al pomodoro e basilico, davvero molto buoni; involtini di vitellone, e trippa alla romana che io non ho mangiato; misticanza di stagione, e cicoria ripassata in padella; e ancora, ciambelline al vino  le tipiche ciambelline dei castelli romani e un semifreddo al melone. Ottimo il liquore al finocchietto.

    code de soreca

    Aqua Mater  nasce nella splendida villa cardinalizia del ’600. Lì lochef Alberto Colacchio ritrova e reinterpreta la cucina tradizionale romana, abruzzese e veneta. Con la Villa a fare da sfondo ho passato una piacevole serata, mangiato molto bene e conversato in modo piacevole con foodblogger che già conoscevo e altri conosciuti al momento.  L’ottimo liquore al finocchietto ha chiuso la serata quando ormai era l’una passata, la serata è volata.

    finocchietto

     

    club golf

    Stampa Stampa
    Share on Tumblr
  • Ravioli di melanzana affumicata con pomodorini confit e polvere di cipolla di Tropea

     

    ravioli di melanzana

    Ravioli di melanzana affumicata con pomodorini confit e polvere di cipolla di TropeaTitolo lunghissimo, ricetta stupenda, un connubio perfetto con la melanzana affumicata, il pomodorino confit e la polvere di cipolla rossa, ravioli che non dimenticherete facilmente, Partiamo dall’inizio, la spiegazione non è cortissima.

    Read More

    Stampa Stampa
    Share on Tumblr
  • Showcooking e Drink Pink al Gambero Rosso

     

    FONDALE

    Al Gambero Rosso per la presentazione delle Guide pratiche. Quattro guide del Gambero Rosso con i consigli dello chef, del barman e  del pizzaiolo, non era presente l’esperto di riso.

    Read More

    Stampa Stampa
    Share on Tumblr
  • Acqua cotta maremmana

    acqua cotta

    Acqua Cotta maremmana, la mia acqua cotta, diversa dalle tante che si trovano in tutta la Toscana, molto più semplice. Un’acqua cotta senza funghi, senza salsiccia, senza pancetta, con le verdure “sull’uscio” come si diceva una volta, cioè appena apri la porta che dà sull’orto, le trovi. Read More

    Stampa Stampa
    Share on Tumblr
  • Pierogi con patate e cipolle

    pierogi patate e cipolla

     

    Un’altra ricetta prima di chiudere definitivamente il nostro Abbecedario culinario d’Europa. Questa volta passo subito alla ricetta, il tempo è poco e fra poche ore, ci prenderemo qualche mese di ferie e poi chissà, il mondo è grande e la voglia di fare tanta. La nostra ambasciatrice è sempre lei, e qui il suo blog.

    Read More

    Stampa Stampa
    Share on Tumblr
  • Rotolo polacco ai semi di papavero…e l’Abbecedario europeo è finito

     

    rotolo polacco al papavero

    E’ finita!. La Polonia è l’ultima tappa del nostro Abbecedario culinario d’Europa. Gennaio 2013 è cominciato il nostro splendido viaggio, un anno e mezzo, tante tappe, tanti Paesi, tante ricette, tanta storia, usi, costumi, geografia e storia. L’iniziativa più bella in assoluto, senza vincitori né vinti, senza premi, senza nulla, solo tanta voglia di stare insieme, di cercare ogni 20 giorni la ricetta giusta da cucinare e poi pubblicare, e l’emozione quando ad essere ambasciatrice sei tu. Mi sono divertita, ho conosciuto tanti piatti e letto tante notizie e curiosità che non conoscevo. Grazie Eloisa Vargiu, grazie ragazze, è stato un bel viaggio e chissà cosa succederà adesso?

    Read More

    Stampa Stampa
    Share on Tumblr
  • Limoni al sale o confit

     

    limoni al sale

    Limoni al sale o confit. I limoni fanno parte della famiglia delle Rutacee, come le  arance, i mandarini, bergamotti, cedri, pompelmi. Ci sono diverse varietà di limoni:

    il Femminello, dalla Sicilia, oblungo, polpa succosa e molti semi, c’è anche il Femminello apireno,  quasi senza semi e per questo più  pregiato, ci sono poi i Femminelli  Santa Teresa da dove provengono i verdelli;
    il Monachello, altra qualità, usato per la produzione di verdelli;
    l’Interdonato, frutto grosso ma poco succoso, utilizzato principalmente per la produzione del primofiore. Read More

    Stampa Stampa
    Share on Tumblr
  • Cacio e pepe con fili di zucchine, omaggio al romanesco

    cacio e pepe

    Romanesco: circuito di eccellenze dei ristoratori e dei prodotti tipici della città di Roma.  L’iniziativa della Camera di Commercio della città è stata realizzata dall’ARM, Azienda Romana Mercati e sono stati coinvolti i migliori ristoranti della cucina tradizionale romana.

    caciopepe4

    Il “Romanesco” è già alla sua seconda edizione, e grazie al risultato ottenuto la Camera di Commercio ha deciso di fare il bis coinvolgendo altri ristoranti. All’iniziativa sono state invitate alcune foodblogger  per assaggiare gli ottimi prodotti tipici romani e con piacere sono stata coinvolta anche io. I prodotti tipici di questa edizione erano: Pecorino romano dop, ricotta romana dop, olive da mensa, olio extravergine della Sabina e abbacchio, che io non ho assaggiato.

    Read More

    Stampa Stampa
    Share on Tumblr
  • Piadine per l’Mtc. n°40

    piadina e insalata greca

    Questo mese è stata Tiziana del blog  “L’ombelico di venere”, che ha vinto con il suo splendido babà l’Mtc n.39,  a scegliere la ricetta e da buona romagnola ha scelto la Piadina, per cui l’MtChalleng di giugno sarà a tutta piadina e ne vedremo delle belle sicuramente, piadine di tutti i tipi, di tutti i colori con tutte le farine e con tutte le farce,  salate e dolci, con le marmellate, le confetture, le creme e il cioccolato. La piadina è l’Emilia Romagna, la piadina è conosciuta all’estero,  la piadina è facile da preparare ed è facile da preparare e farcire per un picnic, per la spiaggia o per un viaggio, insomma la piadina è un mangiare facile, un mangiare da strada, è come si dice adesso uno street food.

    BANNER

    Read More

    Stampa Stampa
    Share on Tumblr
  • Ecco il “Taste of Roma” il più grande food festival mondiale

     

    taste

    Al via la macchina per il “Taste of Rome 2014″. E’ stata presentata oggi all’Auditorium Parco della Musica di Roma, con una conferenza stampa,  una delle tappe del più grande evento di food mondiale: il “Taste of Rome che si svolgerà a Roma dal 18 al 21 settembre 2014″.

    La 3° edizione del Taste of Roma che si terrà sempre nei giardini pensili del Parco della Musica conferma l’evento come uno dei più attesi nell’ambito del food, per la particolarità della location, per i contenuti, e per la presenza di chef dai nomi prestigiosi, è un evento atteso da turisti italiani e stranieri.

    Read More

    Stampa Stampa
    Share on Tumblr